L'editoriale del direttore Elio Pariota:"Pillola blu, nascite all'insù"

Denatalità demografica? Niente paura. Una pillola blu alle coppie dai 18 ai 40 anni e il ripopolamento è assicurato. Parola di sindaco. Jean Debouzy - primo cittadino del piccolo comune di Montereau, nella regione della Loira - non ci sta a veder morire il suo amato territorio di appena 629 anime e con circa 30 iscritti alle scuole dell’obbligo. E ha rilanciato alla grande; altro che sgravi e sussidi, per i maschietti ci vuole il Viagra gratuito! Dunque ha infilato una catena di eventi che farebbe impallidire il più scettico degli economisti: più Viagra e meno culle vuote, più bambini e più iscritti alle scuole, più fermento sociale e più consumi; economia che ricomincia a girare e comune salvo. Geniale no? Peccato che i media transalpini l’hanno presa con il tipico snobismo francese: la misura è inapplicabile perché occorre la prescrizione medica obbligatoria; senza contare che Montereau non ha nelle proprie casse euro sufficienti a fronteggiare continui rifornimenti della pillola miracolosa. Insomma una provocazione. Ma che getta un cono di luce sulla drammatica emorragia demografica che colpisce tantissimi piccoli centri europei. Debouzy ci ha provato con un’idea stravagante. Ma almeno ci ha provato.

Commenti

  • Foto di carmine piscopo

    carmine piscopo dice:

    Stilla al post del Direttore Elio Pariota “Pillo blu, nascite all’insù”. Immagine: barattolo di viagra aperto. Caro Direttore, l’ottavo giorno biblico, ossia l’affidamento della creazione all’adam, è stato disatteso dagli umani, oggi in bilico permanente sull’estremo discrimine di forza e ragione. Dopo la proclamata “morte di Dio”, quale ultima idea regolativa del tutto, nell’evo attuale della dromologia elettronica, siamo sprofondati nella più radicale relatività esistenziale per la quale ognuno si avverte padrone assoluto di sé. Anche nell’ordine erotico, il “sovranismo” egotico e narcisistico rifiuta ogni regola di comune convivenza, negligendo la sovrana “coinonia” onde si scaldano gli animi solo per i ludi cartacei della politica politicante. A nulla servirebbe la soluzione di Jean Debouzy, se si abbandonasse la corretta paideia del “fronesimon” accorto ad assicurare la sua sopravvivenza su questo splendido pianeta.

    25 May 2019 14:49
  • Foto di Mario Palmiero

    Mario Palmiero dice:

    Senza dubbio un'idea provocatoria per richiamare l'attenzione su un fenomeno, quello dello spopolamento dei piccoli comuni, che affligge la Francia come l'Italia. In Italia numerose sono le iniziative dei sindaci di questi piccoli paesi dalle più concrete, come il caso di quei comuni dove le case sono messe in vendita a 1 euro o giù di lì purché l’acquirente si assuma l’onere della residenza e della ristrutturazione, a quelle più provocatorie come quella – richiamata in un recente intervento del Direttore - del sindaco del paesino di Esino Lario in provincia di Lecco che ha messo in vendita gli edifici e le proprietà comunali in una sorta di asta aperta a tutti. Ma la verità è drammatica e sono circa 5.500 i borghi italiani con meno di 5.000 abitanti che ogni giorno sono da soli a lottare contro spopolamento, mancanza di fondi e lontananza delle istituzioni. Il sindaco di Montereau è stato particolarmente simpatico con la sua iniziativa – con buona pace di qualche ultra sessantenne che già pregustava questo bel regalo, ma certamente non è il desiderio sessuale a far pendere la bilancia sulla decisione o meno di avere dei figli. L’intervento delle istituzioni risulta fondamentale per assicurare nuove risorse ed energie a queste realtà e, per la verità, tutte queste iniziative a qualcosa stanno portano. Da circa tre anni infatti, in Italia, è attiva una politica pubblica nazionale – la Strategia Nazionale Aree Interne – che vuole combattere lo spopolamento delle aree periferiche del nostro Paese e affermare un modo di fare politiche pubbliche che non sia cieco rispetto alla straordinaria varietà di situazioni territoriali che lo caratterizzano. Finirà tutto in una bolla di sapone? Non ci resta che aspettare.

    26 May 2019 19:13

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *