L'editoriale del direttore Elio Pariota: "Ridateci Qualità e Cultura"

Dov’è finito quel cinema italiano che cinquant’anni fa sfornava attori e registi celebrati come divi in tutto il mondo? Sepolto per sempre.

Il 2017 ha registrato un fuggi-fuggi dalle sale cinematografiche (-46% rispetto all’anno precedente) certificando la presa d’atto di una generale mancanza di originalità e scarsa qualità dei film prodotti. Si dirà: colpa anche della tv che fagocita tutto e tutti e rende la pigrizia sovrana.

D’accordo, ma per vedere cosa? Sono anni che il nostro cervello è annichilito da una tv commerciale che ha fatto disastri e che ha sopito ogni minima capacità critica. Siamo diventati la Penisola dei quiz e degli chef, dei reality e delle commediole di infimo ordine.

Dunque non c’è da stupirsi che Alberto Angela, bravissimo e popolarissimo divulgatore scientifico, sia stato seguito da 5,6 mila spettatori (24% di share) con il suo “Meraviglie, La penisola dei tesori”.

E’ la riprova che Qualità e Cultura sono gli ingredienti che il pubblico riconosce e apprezza. Ma che da troppi anni costituiscono un’allarmante rarità.

Commenti

  • Foto di Loredana

    Loredana dice:

    Buonasera, Direttore. Concordando con la sua riflessione, aggiungo che i prodotti televisivi, al pari di qualunque prodotto venduto e destinato alla massa popolare, conta proprio su quest'ultima per attestare il "successo" e il ripetersi di certe trasmissioni. Purtroppo il prodotto televisivo è strettamente collegato al suo destinatario. Quindi la riflessione è da spostarsi su tutti noi, utenti e destinatari. Penso che coloro che sono stati incollati alla TV a seguire Alberto Angela non siano gli stessi che seguono i suoi citati programmi, e che siano emersi dal silenzio proprio solo in occasione del programma di divulgazione sulle Bellezze d'Italia. Poi, proprio come fa Alberto Angela, sono tornati a guardare altrove, lasciando la TV con ciò che resta agli altri. E' dunque la "nostra" qualità che dovremmo riscoprire. Ci stiamo abituando talmente tanto al "brutto" e allo "sciatto" che regaliamo dischi di platino come fossero caramelle, inondiamo di denaro presentatori fino a ieri considerati "noiosi" (per essere gentili), e produciamo programmi "fattincasa", ché tanto qualcuno davanti alla TV c'e' sempre (centinaia di migliaia di donne e figli senza lavoro e senza scuola)... Buon lavoro, Direttore. Loredana Bagnato

    14 Jan 2018 17:43
  • Foto di piscopo carmine

    piscopo carmine dice:

    Caro Direttore, anche questa volta hai ragione. Il livello culturale generale del nostro Paese - almeno quello visibile nei mass media - è scaduto, precipitando in maniera vorticosa in forme banalizzate da default mentale. Gli spettacoli di elevato pregio di cui abbiamo avuto la gioia di fruire in gioventù erano la risultante di genialità pura, di immaginazione fervida e di rigore mentale stringente, qualità queste ultime rattrappite o espunte dall'irruenta, pervasiva ed avvolgente virtualità vincente. Necessita una vigorosa paideia capace di imprimere forza propulsiva per la lettura che è la vera fonte generativa di fantasia viva e e di sicuro vigore critico.

    16 Jan 2018 12:46

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *