Festa della Musica: l'importanza dell'educazione musicale

La festa della musica si tiene il 21 giugno di ogni anno. L'evento viene celebrata con concerti gratuiti eseguiti da professionisti e amatori di ogni genere.

Oggi, 21 giugno, si celebra la Festa della Musica. La manifestazione è nata nel 1982 in Francia su proposta di Jack Lang, che all’epoca ricopriva il ruolo di Ministro della Cultura Francese. La Fête de la Musique, invitava tutti i musicisti, professionisti e amatoriali, a riunirsi per le strade della città per suonare e celebrare questa straordinaria arte che accompagna da sempre l'umanità.

La grande adesione che ha raccolto nel corso degli anni, ha permesso l'espansione di questa festività in tutto il mondo e in particolare nel resto d'Europa, dove viene coordinata dall'ADCEP: Association pour le Développement de la Création, Etudes et Projets.

L’evento in Italia

In Italia, l'evento è coordinato dall'Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica, che nel corso degli anni, ha raccolto l'adesione di 280 città, creando una grande rete distribuita su tutto il territorio nazionale. Un'occasione per celebrare la musica organizzando concerti gratuiti e iniziative che hanno come obiettivo quello di far emergere in tutta la sua energia il valore che quest'arte ha nella nostra società.

L'anno chiave è il 1995, quando Atene, Barcellona, Berlino, Budapest, Bruxelles, Lisbona, Liverpool, Losanna, Madrid, Milano, Napoli, Parigi, Praga, Roma, Senigallia (AN), Lanuvio (RM), hanno unito le loro forze per fondare l'Associazione Europea Festa della Musica.

Educazione Musicale

La musica ha da sempre ricoperto un ruolo fondamentale nella storia dell’umanità. Sin dagli albori, gli uomini primitivi utilizzavano pietre, pezzi di legno e qualsiasi oggetto a loro disposizione per riprodurre suoni e creare momenti di vera e propria aggregazione, sviluppando quella che oggi viene comunemente definita musica preistorica

Quest'arte, ci accompagna durante il cammino della nostra vita, ed è per questo che è molto importante educare i bambini alla musica.

Lo studioso Edwin Elias Gordon, scomparso nel 2015, ha trascorso la sua vita elaborando teorie utili per sviluppare l'apprendoimento musicale dei bambini. La Music Learning Theory ipotizza che l'apprendimento musicale sia basato sull'audiation e sulle differenti attitudini musicali degli studenti. Inoltre Edwin Gordon, teorizzava che la fase più importante per sviluppare le potenzialità musicali è quella che va dalla nascita all’età prescolare.

“La causa reale del progressivo abbassamento qualitativo nell’educazione musicale consiste semplicemente nel fatto che i bambini non ricevono un’adeguata educazione musicale prima di giungere alla scuola dell’infanzia o alla prima elementare.”

E per questo che il ruolo del docente di musica può essere considerato molto importante sin dai primi anni di scuola. Un'adeguata educazione musicale può stimolare le doti e la creatività di ogni individuo offrendo tutti gli strumenti per una corretta comprensione della musica e della sua storia.

Commenti

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *