Cinque milioni di euro per finanziare Contamination Lab nelle Università

Un bando pubblicato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per sviluppare e potenziare i Contamination Lab (CLab) nelle università italiane. A disposizione ci sono 5 milioni di euro. I CLab sono spazi di contaminazione tra studenti e dottorandi di discipline diverse, che puntano alla promozione di nuovi modelli di apprendimento e allo sviluppo di progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale e sociale. “Il bando rappresenta uno dei tasselli dell’attuazione del nostro Programma nazionale per la ricerca – ha affermato il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini - Promuovere il confronto di idee tra studenti di diverse discipline e aprire le porte delle Università alle contaminazioni del territorio e di attori esterni, anche di carattere internazionale, creerà le condizioni ideali per sviluppare progetti innovativi”. La contaminazione, elemento centrale del progetto, potrà realizzarsi in diverse direzioni: tra studenti provenienti da corsi/dipartimenti diversi per condividere progetti e maturare nuove competenze; tra studenti e tra docenti di diversi dipartimenti/discipline/background; con attori terzi del mondo produttivo (imprese, startup, investitori, camere di commercio, associazioni di categoria, poli tecnologici, cluster, ecc.), ma anche istituti scolastici, istituzioni (locali e nazionali) e organizzazioni del terzo settore; con attori europei ed internazionali, per costruire partenariati e collaborazioni e favorire la mobilità degli studenti insieme al rafforzamento dei processi di internazionalizzazione delle Università. Ogni progetto avrà una durata massima di 36 mesi e potrà essere finanziato fino a  300.000 Euro. Il bando prevede anche la costituzione di una rete nazionale dei Contamination Lab per un valore complessivo di 150.000 euro. Il bando e le Linee Guida “Contamination Lab” 2016, sono disponibili a questo link: http://attiministeriali.miur.it/anno-2016/novembre/dd-29112016.aspx.  

Commenti

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *